Finito per quest’anno, ci si rivede nel 2017

Il 2016 è stato un anno particolare. A causa del gran numero di richieste, sono riuscito a fare solo workshop a Venezia: quattro in tutto tra maggio e luglio, compresa l’edizione speciale del Redentore, che ho intenzione di ripetere il prossimo anno. Speciale anche perché siete stati tantissimi a partecipare, e speciale perché per ben due volte il tempo sembrava opporsi, e invece l’abbiamo vinta noi.

DSCF8378

I partecipanti ad una delle edizioni di Dal Tramonto All’Alba 2016

E’ sempre particolarmente emozionante per me organizzare, e poi condurre queste nottate fotografiche, ma da questa edizione voglio dare voce e spazio a chi ha partecipato. Raccolti in questo post, ecco alcuni degli scatti e dei commenti di chi con me ha vissuto questa esperienza.

Troverete tutti gli scatti e commenti in una galleria in continuo aggiornamento sulla mia fan page di Facebook.

Ci vediamo di nuovo nel 2017. Le date usciranno verso febbraio per chi volesse prenotarsi.

Un mio sentito ringraziamento va agli amici Andrea e Yuri che mi hanno aiutato e seguito quest’anno, senza di voi non ce l’avrei fatta!!!!!!

 

Dal Tramonto all’Alba 2016: Si è detto…

“Non avevo mai partecipato al Redentore a Venezia. La calca di gente, il traffico, gli orari dei treni, il sonno. Un sacco di pregiudizi. Ero incerto se partecipare anche al workshop di Marco quando ho saputo che si sarebbe tenuto il 16 Luglio. Una buona dose di fortuna (ricordo quei 20 metri quadri di marciapiede che nessun veneziano ha rivendicato) mi ha fatto ricredere di tutto ciò.
E poi scattare foto in gruppo è sempre stimolante. Vedere i movimenti e l’attenzione degli altri mi fa  risvegliare dettagli e attenzioni che troppo spesso dò per scontate.
I consigli di Marco, il confronto diretto con gli altri, il clima di amicizia che si instaura è solo sana voglia di stare insieme e condividere una grande passione.
Grazie Marco e grazie al bellissimo gruppo di DTAA “Redentore Edition”. (Simone Gazzola)

“Ho partecipato con molto entusiasmo al workshop “Dal Tramonto all’Alba” sia perché si svolgeva a Venezia, città che conosco bene, sia perché l’organizzatore è Yorick, che avevo già incontrato durante un suo precedente workshop sul bianco e nero. Venezia la conosco in quanto ho completato i miei studi nell’isola, ma, facendo la pendolare, l’ho vissuta per molti anni più che altro in versione diurna e quindi ho colto al volo l’occasione per viverla anche di notte, quando si svuota quasi completamente dai turisti e si ha la possibilità di assaporare il silenzio e l’atmosfera tranquilla che si creda…
L’esperienza è stata molto positiva, mi sono divertita perché il gruppo era composto da gente simpatica ed in gamba e, anche se non conoscevo quasi nessuno, mi sono sentita subito a mio agio. Il percorso scelto per il workshop era interessante e ci ha consentito di trovarci nelle posizioni migliori per poter cogliere l’atmosfera e le luci del tramonto e dell’alba. Essendo appassionata di street photography, soprattutto in bianco e nero, ho inoltre apprezzato la parte centrale del workshop, nell’arco temporale appunto, tra il tramonto e l’alba, quando abbiamo potuto fermarci in punti strategici per poter cogliere momenti di vita notturna tra le calli e i campielli di Venezia e… immortalare i personaggi bizzarri che capita di incontrare di notte in giro per la città!” (Cristina Cadamuro)

“Sono contentissimo di aver partecipato. E’ stata una nottata magica nella sua semplicità.” (Simone Lazzara)

“La notte mi rende curiosa e, avendo in mano la mia reflex, mi rende anche sicura. La notte è magica e mi regala sempre tranquillità, ma aspettare di notte il giorno..bhe un’ esperienza che mi ha regalato un’immagine della mia città indimenticabile, la città che vedo tutti giorni l’ho vista sotto una nuova luce, l’ho vista addormentarsi e svegliarsi con un’eleganza strepitosa. Grazie Marco per i tuoi consigli e le tue idee sempre originali.” (Elisabetta Vivian)

“…dopo il terzo anno consecutivo che vengo a fare la notte con te e il tuo gruppo penso che non ci sia molto bisogno di aggiungere parole… ma te la descrivo così: La potrei riassumere in un insieme di chiari e scuri che riempiono l’anima di sensazioni calde e avvolgenti, che colmano il vuoto di un profondo oscuro con una lieve luce, riflessa in una quiete acqua ondeggiante, che lentamente, col suo moto ti accompagna verso il travolgente bagliore del nuovo giorno.” (Gimmy Sarraggiotto)

“Prima e, al momento, unica esperienza di un’iniziativa che non mancherò di ripetere. Complimenti a Marco per avere ideato questa interessantissima formula che unisce l’emozione di un’intera notte a Venezia ad un efficace workshop su come affrontare fotograficamente le diverse fasi della luce dal tramonto all’alba.
Si arriva a Venezia quando il sole è ancora alto, attraversando calli e campielli affollati, per iniziare un viaggio alla scoperta dei mille volti che questa straordinaria città rivela mano a mano che la luce ne invade (o ne fugge) il profilo. Dai toni del tramonto, le cui fiammate sovrastano l’azzurro, a quando quell’azzurro risale prepotente, a regalare il brevissimo incanto di un’ “ora blu” che il buio inghiotte in un paio di minuti. E poi la notte, il silenzio, le calli semideserte, Piazza San Marco illuminata, la laguna agghindata di luci colorate, la stanchezza che inizia a farsi sentire. C’è il tempo per girovagare da soli, con le proprie emozioni e la propria fotocamera, prima di incamminarsi piano verso Punta della Dogana, in tempo utile per riposarsi un po’, prima di allestire treppiedi e fotocamere per l’imminente saluto al sole che di lì a poco farà capolino… Si rifà giorno, si ricompongono gli zaini, appesantiti dal sonno, dalla stanchezza e dal ricordo di una notte di magia che resterà nel cuore.” (Caterina Soprana)