Il viaggio riprende, da dove l’avevo lasciato qualche tempo fa. Nuove rubriche e un percorso da fare assieme.

 

Jacopo ha compiuto un anno da qualche settimana, e il meraviglioso uragano che in questi quasi due anni della mia vita ha portato incredibili sconvolgimenti, ora sta iniziando a lasciare un po’ di spazio anche a qualche raggio di sole, e nuovi equilibri trovano posto nel marasma che il lieto evento ha lasciato nelle nostre vite.

Non sarà mai più come prima.
Vero.
Ma ora sento la necessità di riprendere ciò che avevo lasciato indietro, un po’ per mancanza di tempo, un po’ per mancanza di spazio nella mia mente. Troppe cose, tutte allo stesso tempo, hanno schiacciato il fluire dei pensieri fino a comprimerli e renderli inutilizzabili. Ora invece la pressione sta scendendo, e l’espansione è gradevole e energica.

In vista di un bel rinnovamento, almeno di contenuti, del mio sito, ecco che vi propongo quello che mi piacerebbe diventasse un impegno e anche un programma di lavoro. Mi capita spesso di appuntarmi qualche nota digitale o cartacea di argomenti su cui vorrei scrivere, su cui è sbocciato un germoglio che vorrebbe crescere per diventare un pensiero più strutturato. Da ora in poi lo farò accadere, e le varie note sparse diventeranno qualcosa di concreto, qualcosa da condividere e su cui discutere. Fino ad ora sono state idee di varia natura e tipologia, idee in un caotico brodo primordiale che vagavano libere in attesa di trovare ordine ed equilibrio.

Ecco che per questo motivo ho cercato di organizzarle in alcune rubriche intellegibili e spero anche più facilmente fruibili. Ognuna di queste rubriche, nelle mie intenzioni, sarà un discorso, un percorso, un viaggio che magari intraprenderemo assieme, con temi e caratteristiche diverse… qualcuna sarà più tecnica, qualcuna più dissacrante e ironica, qualcuna più specificatamente didattica, qualcuna più semplicemente da “guardare” e “gustare”.

Ancora non ho deciso la loro cadenza, se cadenza ci sarà, ma queste saranno le rubriche principali.

#ipsedixit: riprenderò la rubrica iniziata tempo fa. Gli aforismi, o frasi celebri, mi hanno sempre affascinato, per il grande potere di suggestione che hanno e per la capacità di riassumere in poche parole grandi pensieri. Purtroppo, da queste piccole frasi nascono spesso fraintendimenti, leggende e miti, perché le frasi isolate da un contesto più ampio dove inizialmente hanno preso vita, spesso sono difficili da interpretare. Ecco, che quindi riprenderò a proporre queste belle perle commentandole e cercando di renderle vive.

#avvocadeldiavolo: advocatus diaboli, un istituto che ha origini antiche, e che mi sento un po’ cucito addosso. Leggendone la definizione che dà la Treccani, è come se leggessi proprio l’idea che c’è dietro a questa rubrica: “…chi intenzionalmente, a scopo dialettico, pone difficoltà a una tesi già accettata.” Non necessariamente essere contro, ma cercare stimolo di discussione e riflessione. Un espediente retorico per aprire la mente verso nuove possibilità, o per riscoprire vecchie idee ancora valide.

#eserciziariofotografico: del mio libro “Oltre le Regole” la parte che più preferisco e che più ho trovato divertente e complessa da scrivere, è stata quella degli esercizi. Inizio qui, o meglio riprendo, ma con modalità diversa dal passato, a riproporre esercizi fotografici, perché l’esercitarsi è una parte importate della crescita di ognuno che ami una disciplina (artistica, sportiva o di qualsiasi altra natura). Creerò più avanti poi uno spazio web in cui chi vorrà, potrà pubblicare gli esercizi in cerca di confronto e commenti.

#fotoraccontate: in versione mia personale o VIP, cercherò di entrare nella storia di qualche mio scatto, o in qualcuno di qualche celebre autore. Con un’analisi, ove possibile, sia formale che contestuale. Un modo diverso di gustare la fotografia, meno superficiale, meno “veloce”, più riflessivo e meditato.

A queste, più avanti ne affiancherò anche altre in corso d’opera. Quello che però mi interessa sarà l’interazione e la discussione. Per cui, fin da ora vi invito ad essere attivi, ad essere critici e pensanti, e non solo discenti. E magari se c’è qualche argomento che volete sia trattato, segnalarmelo attraverso il form di contatti, oppure sulla mia pagina facebook, così da rendere ancora più interessante questo nuovo viaggio.