Vedere il Vero e il Falso, di Luigi Zoja

Sto leggendo questo libro e lo trovo affascinante e rivelatore. Attraverso la lettura di alcune celeberrime immagini, questo volumetto vi porta attraverso un mondo che non pensavate di trovare… per la serie, la fotografia è finzione, l’autore vi farà scoprire aspetti della fotografia che ai più sono sconosciuti, o meglio aspetti che i più non pensano nemmeno lontanamente che possano essere parte del pensiero fotografico. Buona Lettura.

Acquistalo su Amazon

La parabola della fotografia riassume in icone il destino dei mass- media. Già i pittori offrivano al vasto pubblico immagini decisive della storia: ma, prima di dipingere una battaglia, si informavano su chi l’aveva vinta. L’invenzione fotografica fu invece salutata come l’avvento della informazione obbiettiva. I cronisti possono mentire, gli scatti sul campo dovrebbero riprodurre una scena vera. Eppure, la ricostruzione storica dimostra che proprio le foto piú famose sono spesso il risultato di artifizi. La nuova tecnica, nata per aiutare il vero, scivola al servizio della propaganda, alleandosi al falso. Il libro di Zoja discute otto foto divenute celebri. Le quattro che rappresentano “eroi” provengono da messe in scena. Possiamo invece credere alle altre quattro: riproducono bambini, che ignorano gli scopi nascosti. Questa rassegna anticipa il problema della post-verità, oggi centrale: essa analizza la psicologia retrostante e offre strumenti per capirla. (descrizione libro su feltrinelli.it)